LINGUA ET MORES

modulo 8 292 La parola ai testimoni Cesare, un narratore attendibile Cesare nacque a Roma nel 100 a.C. Dopo l esilio voluto da Silla, rientrò a Roma, dedicandosi agli studi letterari. Compì velocemente la carriera politica: fu questore, edile, pontefice massimo, pretore in Spagna, esponente del primo triumvirato con Pompeo e Crasso, proconsole e vincitore in Gallia; fu poi coinvolto nella guerra civile contro Pompeo dal 49 al 45, dittatore a vita fino alla morte, avvenuta alle Idi di marzo del 44 a.C., quando fu ucciso da Bruto e Cassio. Ci sono pervenuti il De bello Gallico in 7 libri composti nel 52-51 a.C. sulle sue imprese e sulla sua vittoria, e il De bello civili, in tre libri incentrati sulla guerra civile contro Pompeo. La narrazione di Cesare appare attendibile e oggettiva, anche se il condottiero presenta la guerra in Gallia come difensiva e non imperialistica e nel De bello civili vuole scagionarsi da ogni responsabilità relativa allo scoppio della guerra fratricida. La prosa appare asciutta e sintetica e la narrazione in terza persona mira a conferire oggettività ai fatti presentati. L assedio di Alesia Siamo al termine della guerra: il capo dei Galli, Vercingetorige, esce da Alesia e con l esercito di soccorso attacca i Romani su due fronti. Romani e Galli si rendono conto che quello è il momento decisivo; sebbene stremati e privi di forze, i soldati di Cesare saranno i vincitori. 84.Vercingetorix1 ex arce Alesiae2 suos conspicatus ex oppido egreditur: crates longurios musculos falces reliquaque quae eruptionis causa paraverat profert. Pugnatur uno tempore omnibus locis atque omnia temptantur ; quae minime visa pars firma est, huc concurritur. Romanorum manus tantis munitionibus distinetur nec facile pluribus locis occurrit. Multum ad terrendos nostros valet clamor qui post tergum pugnantibus existit, quod suum periculum in aliena vident virtute constare; omnia enim plerumque, quae absunt, vehementius hominum mentes perturbant. 85. Caesar idoneum locum nactus quid quaque in parte geratur cognoscit; laborantibus submittit. Utrisque ad animum occurrit unum esse illud tempus quo maxime contendi conveniat: Galli nisi perfregerint munitiones, de omni salute desperant; Romani si rem obtinuerint, finem laborum omnium expectant. Maxime ad superiores munitiones laboratur, quo Vercassivellaunum missum demonstravimus, iniquum loci ad declivitatem fastigium magnum habet momentum. Alii tela coniciunt, alii testudine facta subeunt; defatigatis invicem integri succedunt. Agger ab universis in munitionem coniectus et ascensum dat Gallis et ea quae in terra occultaverant Romani contegit; nec iam arma nostris nec vires suppetunt. (De bello Gallico, libro VII) 1. Vercingetorix: è il capo dei Galli. 2. Alesia: città in territorio gallico, dove è avvenuto lo scontro finale tra le truppe di Cesare e quelle dei Galli. 5 10 15

LINGUA ET MORES
LINGUA ET MORES
Libro digitale