LINGUA ET MORES

modulo 6 220 La parola ai testimoni Seneca: La ricerca della virtù, ossia la vittoria della ragione sulle passioni Lucio Anneo Seneca (50 a.C. - 40 d.C.); scrittore latino nato a Cordoba, insegnò retorica a Roma. Poco dopo l ascesa al trono di Claudio, fu condannato all esilio in Corsica sotto l accusa di adulterio con Giulia Livilla, sorella di Caligola; fu poi precettore e consigliere di Nerone fino al 62. Implicato nella congiura di Pisone, ricevette dall imperatore l ordine di uccidersi. Fu seguace dello stoicismo che insegnava come il filosofo dovesse sopportare con fermezza i colpi della sorte. Scrisse le Epistulae morales ad Lucilium, dieci dialoghi, fra cui De brevitate vitae, De constantia sapientis, De beneficiis. In ambito teatrale, compose tragedie caratterizzate da forti passioni e da frasi a effetto che presentano i fatti in modo perentorio e folgorante. Il problema della schiavitù Seneca si felicita con Lucilio che, governatore imperiale in Sicilia, tratta con famigliarità i propri schiavi. Tutti gli uomini infatti partecipano della ragione e sono pertanto uguali. Eppure spesso agli schiavi vengono assegnate da padroni arroganti, crudeli e assurde mansioni. Liberi e schiavi nascono dai medesimi semi: la condizione di questi ultimi non è connaturata alla natura umana, ma dipende esclusivamente dal caso. Nei rapporti con gli schiavi occorre comportarsi come vorremmo che i nostri superiori trattassero noi. Libenter ex iis qui a te 1 veniunt cognovi familiariter te cum servis tuis vivere: hoc prudentiam tuam, hoc eruditionem decet. «Servi sunt . Immo homines. «Servi sunt . Immo contubernales . «Servi sunt . Immo humiles amici. «Servi sunt . Immo conservi, si cogitaveris tantundem in utrosque licere fortunae2. Itaque rideo istos qui turpe existimant cum servo suo cenare: quare, nisi quia superbissima consuetudo cenanti domino stantium servorum turbam circumd dit? [...] At infelicibus servis movere labra ne in hoc quidem ut loquantur, licet; virga murmur omne conpescitur, et ne fortu ta quidem verberibus excepta sunt, tussis, sternumenta, singultus; magno malo ulla voce interpellatum silentium luitur; nocte tota ieiuni mutique perstant. Sic fit ut isti de domino loquantur quibus coram domino loqui non licet. At illi quibus non tantum coram dominis sed cum ipsis erat sermo, quorum os non consuebatur, parati erant pro domino porrigere cervicem, periculum imminens in caput suum avertere; in conviviis loquebantur, sed in tormentis tacebant. [...] Nolo in ingentem me locum inmittere et de usu servorum disputare, in quos superbissimi, crudelissimi, contumeliosissimi sumus. Haec tamen praecepti mei summa est: sic cum inferiore vivas, quemadm dum tecum superiorem velis vivere. Quotiens in mentem venerit quantum tibi in servum tuum liceat, veniat in mentem tantundem in te domino tuo licere. Epistulae ad Lucilium, 47, 1-4 1. a te: lett. da te; è un complemento di moto da luogo. Lucilio era procuratore a Siracusa. 2. Servi sunt... fortunae: si profila un confronto serrato fra un comune mortale colto dai pregiudizi della società romana e Seneca, che sostiene l uguaglianza fra gli uomini. 5 10 15

LINGUA ET MORES
LINGUA ET MORES
Libro digitale