LINGUA ET MORES

unità 3 3 Il complemento d agente e di causa efficiente Il complemento di agente indica la persona, l animale da cui viene compiuta l azione in una frase con il verbo di forma passiva. Se l azione viene compiuta da un essere inanimato (cioè una cosa), il complemento si dice di causa efficiente. Sia il complemento d agente sia il complemento di causa efficiente sono introdotti dalla preposizione da. Il complemento d agente risponde alla domanda: «da chi? . Il complemento di causa efficiente risponde alla domanda: «da che cosa? . In latino il complemento d agente si traduce con a o ab + ablativo: Gli abitanti dell isola, spaventati dai pirati, fuggono. Insulae incolae, territi a piratis, fugiunt. Il complemento di causa efficiente si traduce con l ablativo semplice: Nella villa i commensali, dilettati dalla musica, sono lieti. In vill convivae, music delectati, laeti sunt. esercizi œœ 18 Individua e sottolinea il complemento di agente e poi traduci le frasi. 1. La vecchiaia è un male desiderato da tutti. 2. Grande è la laboriosità delle api, celebrata dagli antichi poeti romani. 3. Ottavio ha ricevuto da Marco il libro che (quem) aspettava. 4. L Eneide, scritta da Virgilio, è una splendida opera della letteratura latina. 5. Il tribuno, lodato dalla plebe, era un uomo di grande valore. 6. La vittoria annunciata dal messaggero procurò grande gioia a Roma. œœ 19 Traduci. 1. Hostis cecidit, transfixus multis telis. 2. Brevis oratio dict ab oratore hominis innocentiam confutavit. 3. Consilia data a patre et a matre semper filiis utilia sunt. 4. Odor emanatus rosis, liliis et iasminis suavis est. 5. Orationes scriptae et dictae a Demosthene Graeciae libertatem defendebant. 6. Naut in mari ab amicis servatus victimas mactavit Neptuno. 7. Discipuli a parentibus et a magistris moniti sani et validi crescunt. 8. Multa sunt beneficia data filiis a parentibus. 9. Oppidum a barbaris expugnatum opulentum et florens erat. 10. Rosae praebitae diis et deabus a puellis candidae et odorosae erant. 11. Aves territae venatorum vocibus avolant. 12. Donum praebitum puellis a domino gratum est. 13. Sempitern fuit memori urbis deletae et puerorum necatorum a barbaris. 14. Pueri a patre moniti diligentes crescunt. 15. Pueri, territi fulmine, fugiunt. 16. Pueri admoniti benigne semper erunt grati et memores. 17. Honesti homines aperte reprehendebant proditorem, territum non civium odio, sed senatorum ore. 213

LINGUA ET MORES
LINGUA ET MORES
Libro digitale