LINGUA ET MORES

unità 1 contra hostes finxerunt. Deinde nummum creaverunt: Iudaeae ruinam celebrabat, nam in eo (su di essa) scripserant: «Iudae capt . œœœ 11 Traduci. I costumi dei Parti Saepe Parthi contra hostes atrocia bella gerunt. In certamine proelium deserunt, deinde in proelio revertunt, sic hostes debent rursus pugnare. Ingens plumarum numerus tegit Parthorum et eorum equorum corpora. Parthis non sunt aurum et argentum, nisi in armis. Carnem non manducant, sed ad venationem se dedunt (si dedicano). Mulieribus epulas et virorum conspectum (vista) interdicunt. Ardente est equorum studium: in equis consistunt, vendunt, emunt. Feroces mores de mortuis Parthis sunt: corpora non sepeliunt, sed ea (li) atrocibus avibus relinquunt. Parthi audaces sunt, bella contra hostes non timent, sua ingenia fallacia, seditiosa et crudelia sunt. Viris vim et atrocem violentiam tribuunt, feminis, mansuetudinem. Taciti sunt sed parati agere contra hostes. Princibus et regibus non reverenti sed timore oboediunt. œœœ 12 Traduci. Il topo di campagna e il topo di città Mus ruri vivebat in cuniculo, pauper et su libertate contentus. Forte olim pinguem murem urbanum in silv vidit et ad cenam eum (lo) invitavit. Pauper cen muri urbano non grat fuit, nam sic amici felicitati dixit: Duram vitam agis in humili et silvestri tugurio. Ruri vit difficilis et infelix est. Felicitatem et urbis commodum quaere! Blanditiae muri rustico persuaserunt (persuadeo + dat.). Nam in divitem domum venit ubi mus urbanus vitam beatam agebat. Hic (qui) suaves cibos gustavit et elegantia eburnea lacunaria vidit. At repente vehemens portarum, servorum et canum rumor elegantes epulas interrumpit. Tum mus rusticus dixit: In agris et in silvestribus locis vitam pauperem sed salubrem et securam amo . œœœ 13 Traduci. Marte, dio della guerra Nel tempo antico i popoli veneravano Marte con diversi nomi. A Roma lo (eum) chiamavano Marte Gradivo: era figlio di Giove e di Giunone e marito di Venere. I Romani lo (eum) veneravano con ardente zelo e lo (eum) invocavano soprattutto negli imminenti pericoli di guerra. Avevano dedicato un ricco tempio a Marte: qui (hic) conservavano lo scudo che (quod), secondo la leggenda, era caduto dal cielo. Infatti nel mese sacro a Marte i Salii, i sacerdoti del dio, portavano sulle spalle lo scudo per le vie della città e invocavano con voce veemente, tra poesie e balli, l aiuto del dio. Anche gli agricoltori e i pastori, con ardente zelo, pregavano Marte: desideravano ingenti raccolti per la famiglia e aiuto contro i lupi e gli animali feroci. Gli abitanti dei villaggi lo (eum) invocavano infatti per la difesa dei campi: in suo onore i fratelli Arvali facevano feste e in inverno sacrificavano un ingente numero di vittime. 199

LINGUA ET MORES
LINGUA ET MORES
Libro digitale