Volume 1

471 12.6 Gli elementi di misura I rotametri si devono montare usualmente in verticale; esistono però dei modelli per le linee orizzontali in cui la spinta del fluido non è contrastata dalla forza peso ma da una molla applicata al corpo flottante. I rotametri a lettura diretta, che possono essere anche in plastica, rappresentano una soluzione abbastanza economica; l aggiunta di indice esterno e di dispositivi elettronici cambiano completamente la situazione. 12.6.6.3 A vortice Si basa sul principio di Karman. Se si pone un corpo (cilindro, parallelepipedo) di traverso in una corrente fluida, in regime di moto turbolento, si generano alternativamente dai due lati dell ostacolo dei vortici contrapposti che diffondono a valle. Per Re > 10000, i vortici si generano con una frequenza proporzionale alla velocità media del fluido e provocano localmente un abbassamento della pressione. Un sensore, posto a valle dell ostacolo, rileva le pulsazioni della pressione e genera un segnale proporzionale alla portata. L indipendenza della misura di questi strumenti sia dalla natura del fluido, sia da temperatura, viscosità e pressione, unitamente al buon range operativo e all elevata accuratezza, li rende particolarmente apprezzabili anche se sono costosi (v. Fig. 12.53). a) b) c) Fig. 12.53 a) Flussimetro a vortice, in evidenza il corpo fisso. b) Schema di funzionamento con in evidenza il treno di vortici. c) Sensore capacitivo a lamina: posto subito dopo il corpo fisso, la lamina è deflessa alternativamente da un lato e dall altro al passare dei vortici. 12.6.6.4 Elettromagnetico adatto solo a liquidi elettricamente conduttivi, come l acqua e le sue soluzioni. Si basa sul principio dell induzione elettromagnetica di Faraday, per cui un conduttore (nel nostro caso, il liquido stesso) che si muove in un campo elettromagnetico, produce agli estremi una differenza di potenziale elettrico proporzionale alla velocità con cui si muove. Lo strumento ha una struttura tubolare in materiale non magnetico. L interno è isolato con un rivestimento non conduttivo (resina poliuretanica, gomma, PTFE, ecc.). Sopra e sotto sono poste le bobine che creano il campo elettromagnetico e 12a CAPITOLO_421-496.indd 471 27/04/12 12.05

Volume 1
Volume 1
LIBRO DIGITALE