Volume 1

467 12.6 Gli elementi di misura 1 1 2 2 p1 p2 p1 3 3 4 p2 5 a) Fig. 12.51 b) c) a) Smart trasmitter di pressione differenziale (§ 12.6.6.1) munito di tubi capillari e diaframmi per acquisire i segnali di pressione a distanza. b) Cella di misura a sensore capacitivo: 1) corpo di misura; 2) diaframmi d isolamento; 3) armature metalliche del condensatore; P1) pressione maggiore; P2) pressione minore. c) Cella di misura a sensore piezoresistivo: 1) corpo del sensore; 2) diaframma in silicio piezoresistivo; 3) diaframmi d isolamento; 4) diaframma intermedio; P1) pressione maggiore; P2) pressione minore. 12.6.6 misura della portata Le misure di portata rivestono grande importanza nell industria di processo, poiché permettono di controllare il bilancio di materia dei processi. Misure di portata poco accurate, oltre a incidere sulla qualità delle lavorazioni, portano a valutazioni poco accurate sulle quantità di materiali utilizzati, consumati, prodotti, con inevitabili conseguenze sul piano economico. Così esiste una vasta gamma di flussimetri per rispondere positivamente alle varie esigenze produttive. Illustreremo di seguito le principali tipologie di flussimetri, quali: n a pressione (differenziale); n ad area variabile (rotametri); n a vortice; n elettromagnetici; n a ultrasuoni; n di Coriolis; n a dispersione termica; n a turbina; n volumetrici. Le misure di portata possono essere, a seconda della tipologia del sensore, istantanee o totalizzate, in volume o in massa. Con la moderna strumentazione elettronica è però facile, p.e. con un sensore che rileva la portata istantanea, avere anche la portata totalizzata, grazie a un opportuno circuito di integrazione, o utilizzando la densità del fluido, passare dalla portata volumetrica alla massica e viceversa. In Tab. 12.9 sono riportate le caratteristiche applicative per le tipologie di flussimetri descritti. La portata è una proprietà estensiva dipende cioè dalla quantità di 12a CAPITOLO_421-496.indd 467 27/04/12 12.05

Volume 1
Volume 1
LIBRO DIGITALE