Volume 1

346 9 Trattamenti delle acque grezze le percentuali di HClO, sull ordinata sinistra, e ClO , sull ordinata destra, alla temperatura di 20°C. 100 %ClO %HClO 20 80 68 32 60 40 40 60 20 80 100 5 Fig. 9.15 Azione dell acido ipocloroso 6 7 8 9 10 pH Percentuali di HClO e ClO in funzione del pH. Proprio l acido ipocloroso è la specie a cui si attribuisce l azione disinfettante più efficace in quanto, oltre ad essere un buon ossidante, si ritiene che attacchi diversi enzimi tra cui l enzima triosofosfato deidrogenasi, essenziale per la metabolizzazione del glucosio e il soddisfacimento del fabbisogno energetico. Usato a concentrazioni e con tempi di contatto opportuni, l acido ipocloroso è attivo anche nei confronti dei virus, mentre sembra inferiore l attività verso i protozoi che, d altra parte, vengono efficacemente rimossi dai processi di chiariflocculazione (vedi § 8.3). Lo ione ipocloroso presenta una attività disinfettante bassa, si suppone a causa della carica che non consente un agevole attraversamento della parete cellulare. A causa delle difficoltà di esercizio legate allo stoccaggio ed alla manipolazione del cloro gassoso, negli ultimi decenni la tendenza è stata quella di utilizzare i derivati del cloro modificando gli impianti esistenti. Agenti disinfettanti che hanno un azione analoga al cloro gassoso sono l ipoclorito di sodio (NaClO) e l ipoclorito di calcio (Ca(ClO)2). Questi sali si dissociano in acqua fornendo lo ione ClO- che per idrolisi fornisce l acido ipocloroso: ClO + H2O HClO + OH (9.23) per cui, anche usando questi sali, l azione sterilizzante è ancora dovuta in buona misura all acido ipocloroso, anche se l efficacia è decisamente inferiore rispetto all acido ipocloroso puro. 09a CAPITOLO_313-362.indd 346 27/04/12 11.55

Volume 1
Volume 1
LIBRO DIGITALE