Volume 1

338 9 Trattamenti delle acque grezze Il processo calce in eccesso (Excess Lime Process) è più indicato quando la durezza magnesiaca supera i 4 °F. Consiste nell aggiungere la calce in eccesso rispetto ai fabbisogni delle reazioni (9.9) e (9.10) per assicurare la completa precipitazione dell idrossido di magnesio. La soda viene aggiunta in quantità stechiometrica per completare le reazioni di eliminazione della durezza permanente. Alla fine è presente lo stadio di ricarbonatazione. Il processo split (v. Fig. 9.6) è un processo in due stadi in cui una frazione dell acqua da trattare, circa l 80%, viene introdotta in un primo stadio in cui si aggiungono calce e soda. La rimanente frazione di acqua viene immessa direttamente ad un secondo stadio di trattamento. In questo modo l anidride carbonica e i bicarbonati contenuti nella seconda frazione di acqua riescono ad abbassare il pH limitando l impiego di anidride carbonica, che viene prodotta generalmente bruciando un combustibile, necessaria per la ricarbonatazione. 1 80% 2 20% 1 D1 Calce 2 Soda 3 Anidride carbonica D5: vasca ricarbonatazione D7: ltro a sabbia D1, D3: miscelatori D2, D4, D6: sedimentatori D2 D3 D5 D4 D6 D7 3 Fanghi Fig. 9.6 Processo calce-soda split. 9.4.1.2 Le resine a scambio ionico Struttura chimica delle resine scambiatrici 09a CAPITOLO_313-362.indd 338 Fanghi Fanghi Fanghi L abbattimento della durezza con il metodo delle resine scambiatrici si basa sulla capacità di alcuni materiali di scambiare i loro ioni con altri presenti nell acqua. Sebbene in passato siano stati utilizzati allo scopo materiali di origine naturale o da essi derivati, come le zeoliti e le permutiti, oggi sono molto impiegate le resine di origine sintetica. Esse infatti presentano diversi vantaggi tra cui maggiore resistenza meccanica e stabilità chimica ed una maggiore capacità di scambio ionico specifico. Il materiale maggiormente impiegato è costituito chimicamente da una macromolecola reticolata ottenuta per copolimerizzazione di stirene e divinilbenzene. Sugli anelli benzenici vengono inseriti dei gruppi funzionali a carattere acido, come il gruppo SO3H (gruppo solfonico) o il gruppo COOH (carbossile). Le macromolecole risultanti vengono prodotte in forma di granuli di elevata porosità che offrono una grande superficie di interscambio con l acqua da trattare. 27/04/12 11.55

Volume 1
Volume 1
LIBRO DIGITALE