Volume 1

27 2.2 Gli acciai e le ghise 2.2.1 classificazione e denominazione degli acciai Una classificazione precisa e dettagliata dei vari tipi di acciaio andrebbe ben oltre i limiti di questo corso. Tuttavia una parziale sintesi, coerente con quanto sinora esposto, è riassunto nella Tab. 2.6, mentre si rimanda alle norme UNI-EN-10020, che regolano la classificazione dal 2005, per gli eventuali approfondimenti. Non legati acciai di base Leganti in % inferiore a limiti specifici. Non sono prescritti trattamenti termici (eccetto ricotture, addolcimento e normalizzazione). di qualità Si possono avere prescrizioni che interessano il processo produttivo e che riguardano la resistenza alla rottura fragile, l attitudine alla deformazione. speciali Trattamento di bonifica o di tempra superficiale. Impurezze non metalliche ridotte. di qualità Prescrizioni analoghe agli acciai non legati. I gruppo Ni2,5% Contengono almeno due tra Mo, W, V con un totale >7% altri Tab. 2.6 denominazione degli acciai 02a CAPITOLO_015-055.indd 27 Classificazione degli acciai. Estratta dalle norme UNI-EN-10020. Un valido aiuto per orientarsi tra le numerosissime alternative possibili è costituito dai sistemi di denominazione, ovvero le regole per attribuire una sigla da cui si possano evincere le caratteristiche principali dell acciaio a cui la sigla fa riferimento. Le norme UNI-EN-10027, che regolano la denominazione degli acciai, propongono due sistemi: uno alfanumerico, UNI-EN-10027-1, ed uno totalmente numerico, UNI-EN-10027-2. L applicazione delle regole del sistema alfanumerico genera una sigla composta da lettere e numeri che è costituita da diverse sezioni. L informazione fornita dalle varie sezioni dipende dal tipo di acciaio. Una descrizione parziale, che fa riferimento agli acciai per getti, ovvero quelle parti meccaniche che vengono solidificate dallo stato fuso nella loro forma pressoché finale, è riportata in Tab. 2.7, di seguito brevemente descritta. Per gli eventuali approfondimenti si rimanda alle pubblicazioni UNI relative alle norme in vigore. Innanzitutto gli acciai vengono suddivisi in due gruppi: il primo classifica gli acciai in base al loro impiego, mentre il secondo in base alla composizione. Per gli acciai del gruppo 1, dopo l eventuale sigla G (getti), si hanno una sezione con un carattere alfabetico relativo all impiego, ed una seconda sezione con caratteri 27/04/12 11.26

Volume 1
Volume 1
LIBRO DIGITALE