Volume 1

260 7 Stoccaggio e linee di trasporto dei fluidi della regolazione nell intervallo delle portate previste con un margine adeguato. Di massima la si sceglie in modo che alla portata di progetto sia intorno all 80% di apertura e alla minima intorno al 10%; ne consegue che la portata normale spesso corrisponda grosso modo al 70% della valvola tutta aperta. In termini di KV si ha: KV100% = 2 KVnorm (7.16) La (7.16) è utilizzabile come punto di partenza per il dimensionamento delle valvole in assenza di ulteriori informazioni. esempio 7.12 Individuare una valvola di regolazione adatta alle seguenti condizioni d esercizio. Fluido: metil isobutil chetone (MIBK, 4-metilpentan-2-one); densità: 802 kg/m3; portata normale: 12 m3/h; PVnorm = 70 kPa. Per ricavare dalla (7.15) il coefficiente di portata normale, trasformiamo densità e PVnorm in valori relativi, rispettivamente, alla densità dell acqua e alla pressione di 1 bar (o 100 kPa). rel = H2O PVnorm = = 802 kg /m3 = 0,802 1000 kg /m3 70 kPa = 0,70 bar 100 kPa/bar Applicando la (7.15) si ottiene: KVnorm = FVnorm = PV rel 12 m3 /h = 12,84 m3/h 0,70 bar 0,802 Per cui si ha: KV100% = 2 KVnorm = 2 12,84 m3/h = 25,7 m3/h Dalla Tab. 7.14 si ricava che per un diametro di seggio di 38 mm si ha KVS = 25 m3/h, appena inferiore al valore trovato e per un seggio da 48 mm si ha KVS = 40 m3/h, decisamente superiore. Il KVnorm corrisponde, per la prima, a più 75% di apertura, che non lascia molto margine, e a quasi il 50%, per la seconda. La decisione si potrebbe prendere conoscendo di quanto può oscillare la portata. Per il diametro nominale, conviene scegliere quello più prossimo, ma non superiore, al DN della linea. Infine, è da tener presente che le possibilità di scelta sono molto più ampie di una pagina di catalogo che, per evidenti ragioni di spazio, utilizziamo in questo testo. Negli esempi precedenti il P della valvola era sempre assegnato. In effetti è un dato che sceglie il progettista in base ai dati in suo possesso per il P disponibile nel circuito e all autorità che si vuole assegnare alla valvola. Da un punto di vista economico la valvola è un dispositivo che dissipa energia, quindi tanto più è piccolo il P della valvola, tanto più è il risparmio, specie se c è una pompa o un compressore che dà la spinta. Da un punto di vista tecnico, un alto P della valvola assicura una migliore regolazione e in ogni caso si cerca di avere una caratteristica installata il più possibile lineare. Inevitabile un adeguato compromesso, anche perché un processo ben regolato è anche, in definitiva, economicamente vantaggioso. 07b CAPITOLO_243-271.indd 260 27/04/12 11.51

Volume 1
Volume 1
LIBRO DIGITALE