Volume 1

214 7 Stoccaggio e linee di trasporto dei fluidi I serbatoi cilindrici si utilizzano fino a capacità di alcune centinaia di metri cubi. Per capacità più elevate si ricorre a serbatoi pseudoellittici, ellissoidali e sferici che richiedono, a parità di pressione interna, uno spessore delle pareti inferiore rispetto ai cilindrici; inoltre la forma sferica è quella che racchiude a parità di superficie il maggior volume, quindi scambia meno calore con l ambiente, il che è un vantaggio specie negli stoccaggi refrigerati. Con tali serbatoi si raggiungono capacità di migliaia di metri cubi. In particolare, con i serbatoi pseudoellittici (Horton), che presentano anche un ottimale ripartizione dei carichi statici, si raggiungono capacità di circa 20000 m3 (v. Fig. 7.12). Fig. 7.12 Bombole Serbatoi sferici e pseudoellittici. Le bombole sono piccoli serbatoi di adeguato spessore, spesso mobili, per poter disporre di piccole quantità di gas liquefatto (p.e. il GPL per uso domestico) o di gas compresso. La pressione può arrivare anche a 250 bar per gas come aria, azoto, ossigeno, ecc. Le ogive delle bombole dei gas industriali sono dipinte con colori codificati, in relazione al rischio, per identificare la natura del pericolo anche a distanza, senza la necessità di leggere l etichetta, comunque presente sulla bombola, che identifica il gas contenuto (v. Fig. 7.13). (*) Colorazione per tutto il gruppo di gas tossici e/o corrosivi. Fig. 7.13 Colorazione delle ogive delle bombole per gas industriali secondo UNI EN 1089-3. In alcuni casi è prevista la lettera N per evitare confusione con la precedente normativa. Per i gas più comuni sono previste specifiche colorazioni. 07a CAPITOLO_199-242_COLORE.indd 214 27/04/12 11.49

Volume 1
Volume 1
LIBRO DIGITALE