Volume 1

209 7.1 Stoccaggio dei fluidi Si oppone la resistenza meccanica della parete in relazione al carico di sicurezza del materiale e allo spessore delle pareti (v. Fig. 7.6 ) Fig. 7.6 Spessore dei serbatoi cilindrici Sollecitazioni agenti su pareti cilindriche di lunghezza L. Considerando un piano diametrale, la forza di carico è pari a P D L, la forza resistente è pari a 2 s L s. L P s D s Consideriamo un serbatoio cilindrico di lunghezza L e diametro interno D, con spessore delle pareti s. La forza di spinta FS esercitata dalla pressione interna sul piano diametrale è: FS = P D L mentre la forza resistente FR è proporzionale alla sezione corrispondente allo spessore delle pareti s, in relazione al carico di sicurezza s del materiale: F R = 2 s L s La forza resistente deve essere superiore, al limite uguale, alla spinta: FR F S Risolvendo, per lo spessore si ha: s P D 2 s (7.4) I serbatoi metallici sono costruiti tipicamente utilizzando lamiere saldate tra loro. Le saldature presentano abitualmente una resistenza meccanica inferiore rispetto al resto del materiale. Inoltre il fluido contenuto può avere un azione corrosiva, prevista in sede di progetto, che assottiglia le pareti del serbatoio. Per tener conto di queste problematiche si modifica la (7.4) introducendo il coefficiente , per l efficienza delle saldature, e il sovraspessore k, per la corrosione. Tipici valori sono di circa 0,8 per e di alcuni millimetri per k. La formula modificata è: s Spessore dei serbatoi sferici P D +k 2 s (7.5) Per un serbatoio a geometria sferica, con ragionamento simile, la spinta della pressione interna tende a spaccare il serbatoio lungo un piano diametrale. Si oppone la resistenza del materiale in proporzione della superficie del materiale corrispondente alla sezione diametrale (v. Fig. 7.7). 07a CAPITOLO_199-242_COLORE.indd 209 27/04/12 11.49

Volume 1
Volume 1
LIBRO DIGITALE